Silverlining® – La Ricerca

img_bicoccaLa valutazione delle proprietà antibatteriche di SILVERLINING ® è stata eseguita presso il laboratorio di Microbiologia del Dipartimento di Biotecnologie e Bioscienze dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca.

Sono stati utilizzati due metodi standard elaborati e validati da “American Association of Textile Chemists and Colorists, AATCC ” una associazione che sviluppa metodi per il controllo qualità dei prodotti del settore tessile e conciario. I metodi utilizzati sono:

  • AATCC 100, 2004 – Assessment of antibacterial finishes on textile materials;
  • ASTM E2149, 2001 – Standard method for determining the antimicrobial activity of immobilized antimicrobial agents under dynamic contact conditions.

L’attività antibatterica è stata valutata analizzando la capacità dei ceppi batterici di Escherichia coli e Staphylococcus aureus di aderire e colonizzare la superficie di SILVERLINING ® in confronto a fodere uguali e non trattate con argento.

I numerosi e ripetuti test hanno confermato la proprietà antibatterica di SILVERLINING ®: con entrambi i metodi la capacità battericida è stata valutata intorno al 100 %.

I risultati dei test, effettuati in tempi diversi su differenti produzioni di SILVERLINING ®, anche valutando lo stesso campione in un arco temporale di 9 mesi, hanno dimostrato che il trattamento con argento è omogeneo, ripetibile e permanente.
In entrambi i metodi utilizzati per lo studio delle capacità antibatteriche si è proceduto mettendo a contatto i diversi materiali con quantità note di agente batterico contando, progressivamente nel tempo, la carica batterica residua.
Si preparano quindi tre terreni di coltura con una carica batterica nota

  • Una prima parte viene messa a contatto con SILVERLINING ®
  • Una seconda viene messa a contatto con una fodera classica
  • Una terza viene lasciata tale e quale.

Dopo tempi di contatto stabiliti dai metodi di prova si esegue la conta dei batteri residui.

Nella foto A la torbidità dei tre differenti campioni evidenzia la differente carica batterica:

  • beuta n°1 è limpida, la maggior parte dei batteri è stata eliminata dopo il contatto con SILVERLINING ®
  • beuta n°2 è torbida, è alta la carica batterica dopo il contatto con la fodera classica
  • beuta n°3, è alta la carica batterica, si tratta del terreno di coltura tale e quale.

img_ricerca11

Nella foto B si osserva la crescita in capsula “Petri” dei batteri residui dopo una nuova semina su terreno di coltura:

  • il campione 1 non presenta crescita batterica, il contatto con SILVERLINING ® ha eliminato la maggior parte dei batteri.
  • il campione 2 presenta una notevole carica batterica dopo il contatto con la fodera classica.
  • il campione 3 presenta una notevole carica batterica, si tratta del terreno di coltura tale e quale

img_ricerca

  • Nelle prove di laboratorio i campioni sono stati messi a contatto con una carica batterica decisamente superiore a quella presente nel sudore umano e in condizioni ottimali per lo sviluppo.

    L’efficacia antibatterica di SILVERLINING ® si è dimostrata ottima anche in tali estreme condizioni.